fbpx
You are here:Home>Medicina Naturale>Pediatria>Il terzo "Body guard" per l'immunità del bambino: lo Zinco
Il terzo "Body guard" per l'immunità del bambino: lo Zinco

Il terzo "Body guard" per l'immunità del bambino: lo Zinco

 L'importanza dello zinco per la salute del bambino

Lo zinco è un minerale, presente in natura e nel nostro corpo. E' presente nel nostro corpo in quantità limitate ma pur essendo un micro-nutriente come tutte le vitamine e i minerali è importantissimo. Dopo il ferro è il più importante micronutriente dell'organismo.
Oltre l'80% della popolazione ne è carente eppure sono più di 300 le funzioni diverse che lo zinco svolge nell'organismo e più di 2000 gli enzimi di cui regola l'attività.

Viene assunto attraverso il cibo, assorbito nell'intestino per il 30% della sua quantità totale ed eliminato attraverso le feci. Il colostro materno ha un alto contenuto di zinco, anche il latte materno maturo lo contiene insieme a molti altri micronutrienti e il suo assorbimento nell'allattamento è ottimale. E' molto difficile che un bambino allattato al seno abbia carenza di zinco a meno che non affetto da patologie che ne riducano l'assorbimento.

Lo zinco è molto legato alla crescita e al buon funzionamento del sistema immunitario del bambino.
Le sue quantità raccomandate sono di 3 mg al giorno nel lattante (6-12 mesi); 5 mg fino a 3 anni; 6 mg tra 4 e 6 anni; 8 mg da 7 a 10 anni; da 11 a 14 anni 12 mg nei maschi e 9 nelle femmine.
E' un potente immunostimolante ed aiuta la sopravvivenza delle cellule immunitarie prevenendo la insorgenza di sintomi da raffreddamento e virosi, stimola la produzione di citochine (molecole segnale del sistema immunitario) antivirali come l'interferon gamma e modula la funzione del timo ed è importante anche per il contenimento delle patologie batteriche.
Tra le virosi è riconosciuto utile nel “raffreddore comune”, nel morbillo e nella influenza e, nell'adulto, nell'HIV.

La sua funzione viene svolta meglio se ingerito insieme alla vitamina C ed A ed è un potentissimo antiossidante poiché attiva il funzionamento di alcuni enzimi fondamentali per il contenimento dei radicali liberi come la superossido-dismutasi. Si trova soprattutto nel citoplasma cellulare e per valutarne la quantità nell'organismo se ne misura la quantità nel plasma e nelle urine.

Una grave carenza di zinco di solito può essere dovuta a patologie croniche che ne impediscono l'assorbimento. La grave carenza di zinco in gravidanza può determinare malformazioni congenite o peso basso alla nascita; nel bambino allattato artificialmente o già passato alla alimentazione solida (dopo il sesto mese di vita) una patologia rara e genetica che impedisce l'assorbimento dello zinco (acrodermatite enteroepatica) si manifesta con dermatite alle estremità (mani e piedi) caduta dei capelli e diarrea.

Una moderata carenza di zinco nel bambino non allattato al seno può manifestarsi solo con fragilità immunitaria e frequenti infezioni.

Come favorire un adeguato apporto di zinco?

Possiamo favorire un adeguato contenuto di zinco con una alimentazione ricca di alimenti che lo contengono oppure con supplementazioni nutraceutiche.

Molti alimenti ricchi di zinco sono alimenti di origine animale per cui è più facile che una carenza di zinco sia presente in chi segue una dieta vegana non ben bilanciata.
Tra gli alimenti di origine animale più ricchi di zinco ricordiamo carne di manzo ed agnello, fegato di vitello, latte e tuorlo d'uovo.

E' però possibile favorire un buon quantitativo di questo minerale anche con una dieta totalmente vegetale facendo attenzione! Fonti di zinco infatti sono fagioli, noci, piselli, mandorle, cereali integrali, semi d zucca, semi girasole e ribes nero, lievito e funghi e cioccolato fondente.

Per quanto riguarda gli integratori esistono supplementazioni naturali come il polline (da non somministrare agli allergici e nella prima infanzia) e nutraceutici che sono adatti anche alla età pediatrica e che spesso vedono lo zinco legato ad altri costituenti come vitaminici (vit C, vitamine del gruppo B,) altri minerali (selenio e magnesio) o estratti vegetali (malva, ribes, sambuco) utili per il rafforzamento del sistema immunitario dei nostri figli.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.