fbpx
You are here:Home>Benessere>Educazione e Stili di Vita>La Quarantena nella Giungla è diventata un Libro per una Nuova Umanità
La Quarantena nella Giungla è diventata un Libro per una Nuova Umanità

La Quarantena nella Giungla è diventata un Libro per una Nuova Umanità

Ispir-Azioni per una Nuova Umanità

Sono ormai trascorsi 10 mesi dal primo lock down e dall’inizio della mia quarantena nella giungla. Proprio così: questo è ciò che è accaduto nella mia vita, fino ai primi giorni di giugno 2020.

Il primo di marzo mi sono spostato dalle Ande Peruviane (dove vivo sei mesi all’anno) a Panama per un ritiro spirituale di 18 giorni con una mia collega. A fine Marzo il mondo si è bloccato ed anche noi, non siamo potuti più tornare sulle montagna andine.

chackruna1

Ma quando la quarantena è iniziata a fine marzo, abbiamo scoperto un ecovillaggio nella giungla di Panama che è stato la nostra salvezza. Siamo rimasti bloccati lì con una comunità di trenta persone che arrivano da sedici nazioni differenti - tra tempeste atmosferiche ed emozionali.

Ci siamo sentiti privilegiati di poter vivere nella natura mentre il resto del mondo era in un appartamento, e non ero del tutto sicuro di condividere le mie esperienze. Ma poi molti dei viaggiatori che seguono la nostra Compagnia con cui organizziamo viaggi mistici e spirituali, fondata insieme all'amico Jacopo Tabanelli, mi hanno scritto da casa, invitandomi a continuare a condividere e scrivere le mie esperienze. La natura ha fatto il resto, ispirandomi a scrivere il libro.

chackruna2

Le sfide sono state numerose, la giungla con i suoi animali durante il periodo delle piogge non è molto ospitale. Grazie alla scrittura mi sono dato il permesso di poter meditare sul senso del momento presente e su un nuovo futuro più sostenibile che siamo spinti a creare. Ho visto una nuova umanità che si sta affacciando nel pianeta terra.

E’ stata una vera avventura vivere nella giungla in comunità. Quello che ho imparato è che se rimaniamo aperti mentalmente scopriamo che a volte le nostre certezze sono dei limiti che bloccano il potenziale della nostra evoluzione umana.

Ho constatato in questi miei primi 37 anni di vita, che più cresciamo e più incaselliamo noi stessi in una visione mentale di quello che pensiamo o non pensiamo di essere. Questa visione mentale ci chiude in una gabbia dorata. Se da una parte, con gli anni che passano, le nostre sicurezze possono aumentare, dall'altra parte eliminiamo gradualmente certe esperienze dalle nostre vite, che invece possono mostrarci nuovi lati del nostro essere.

Ecco, il mio ritiro spirituale a Panama che poi mi ha portato a rimanere bloccato durante la mia benedetta quarantena nella giungla, è stata una di quelle esperienze che mi sono permesso di fare, nonostante la mia mente non ne fosse molto sicura. In questo momento storico è necessario cambiare abitudini, andare aldilà della propria mente e aprirsi alla possibilità che esistono nuovi stili di vita, migliori di quelli che viviamo attualmente.

Puoi ordinare il libro da questo link.

 

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.