fbpx
You are here:Home>Medicina Naturale>Floriterapia>Insegnanti senza stress: un aiuto dai Fiori di Bach
Insegnanti senza stress: un aiuto dai Fiori di Bach

Insegnanti senza stress: un aiuto dai Fiori di Bach

Come gestire al meglio lo stress con l'aiuto della floriterapia

Di fronte ad un evento potenzialmente stressante non tutti reagiamo allo stesso modo, secondo lo psicologo Lazarus “lo stress psicologico è il tipo particolare di rapporto tra la persona e l’ambiente”.
Nella gestione dello stress è quindi fondamentale occuparsi della risposta individuale e possiamo farlo attraverso i rimedi floreali del dottor Bach, il quale, all’inizio del secolo scorso, intuì come gli stati mentali negativi possano avere uno sviluppo patologico.

I 39 fiori di Bach sono volti a sbloccare la forza reattiva di un individuo e a mobilitare le forze interiori per innescare un cambiamento positivo.

Quali sono i rimedi floreali che possono dare una mano a sostenere situazioni di stress a scuola?

  • Per chi tende a caricarsi eccessivamente di responsabilità il fiore più indicato è Elm. Adatto a persone solitamente molto attive, ma che vivono un momento di stanchezza e debolezza per sovraccarico di impegni, che le porta a credere di non essere più in grado di svolgere il proprio ruolo. L’assunzione di Elm aiuta a ritrovare la forza e la direzione verso la quale proiettare l’energia con responsabilità.
  • Quando si accetta di prendersi carico di tutto, senza ascoltare i propri bisogni Oak è il rimedio floreale più adatto: “tutto è sopra le proprie spalle” e si pensa di essere indispensabili. L’assunzione di Oak rende più adattabili, flessibili e disponibili, si impara ad apprezzare il riposo.
  • Olive è utile per tutti quei momenti in cui ci sentiamo “esauriti” e abbiamo speso tutte le energie disponibili; per i momenti in cui siamo così stanchi che vorremmo solo chiudere gli occhi, abbiamo usato tutte le riserve e vorremmo riposare (ad esempio prima delle vacanze natalizie o a fine anno scolastico). Con Olive si ritrovano forza e vitalità, l'energia viene ravvivata.
  • Quando la stanchezza è più mentale che fisica, è il caso di assumere Hornebeam: questo fiore rappresenta la sindrome del lunedì mattina, con difficoltà a iniziare la giornata, stanchezza mentale dovuta alla demotivazione, alla routine. Con Hornebeam si è mentalmente e fisicamente freschi e vivaci.
  • White chestnut è il rimedio per i pensieri indesiderati, le preoccupazioni e le discussioni mentali che occupano la mente e non permettono di concentrarsi su ciò che si dovrebbe fare. I pensieri di tipo White Chestnut sono ripetitivi e non portano a nulla, ronzano continuamente per la testa come un disco che si è incantato su di un grammofono. Questo fiore aiuta a calmare la mente e a trovare tranquillamente ogni soluzione.
  • Per coloro che sono veloci sia nel pensiero che nell’azione e che desiderano che ogni cosa avvenga senza esitazioni né ritardo è molto indicato Impatiens. Per costoro è molto difficile essere pazienti con chi è lento perché ritengono che ciò non sia giusto e sia inoltre una perdita di tempo. Spesso preferiscono pensare e lavorare in solitudine, per poter fare le cose secondo i loro ritmi. Il rimedio aiuta queste persone ad essere meno frettolose, più rilassate e pazienti con gli altri.

La consapevolezza dei propri atteggiamenti mentali a cui porta la scelta del fiore di Bach più adatto, unita alla forza energetica del fiore, contribuisce quindi a ristabilire l’armonia tra mente e corpo e a sperimentare modalità più efficaci per affrontare le situazioni di stress.

Leggi gli articoli precenti dedicati al tema Insegnanti e la gestione dello stress:

Insegnanti senza stess: il supporto dall'alimentazione

Insegnanti senza stress: un aiuto dalla naturopatia

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.