Biosalus.net
Il portale di medicina integrata, biologico, green economy e benessere olistico.

Articoli ed approfondimenti
a cura dell' Istituto di Medicina Naturale e della Scuola Italiana di Naturopatia

imn scuola
Un breve excursus sulle tecniche corporee costituzionali

Per il Naturopata che si avvale nel suo lavoro dell’inquadramento costituzionale del cliente, ho sviluppato 4 tecniche di riequilibrio per il miglioramento dello stato di salute. Il Naturopata che usa queste tecniche, lavora in prevenzione e su persona sana, considerando le predisposizioni ai disequilibri tipiche di ogni costituzione, per un intervento che ne limiti o ne ritardi le manifestazioni. 
In questa breve descrizione, vedremo le principali debolezze costituzionali che possono essere affrontate con questo tipo di trattamento. Ogni costituzione principale ha delle caratteristiche fisiche comuni che possiamo sommariamente rappresentare nelle figure di seguito.

Tipo Endoblasta, Carbonico, Linfatico, Tipo terra, corrispondenza con Dosha Kapha, ecc.

La tecnica si attua per:

⦁    Migliorare la costituzionale incapacità di detossificazione
⦁    Riequilibrare l’apparato respiratorio, articolare e circolatorio
⦁    Riequilibrare Loggia Terra
     Questa tecnica consente di avere uno strumento che agisce attivamente e direttamente su questa costituzione, solitamente restia ad iniziare attivamente un percorso di salute.

Tipo Mesoblasta, Sulfurico, Sanguigno, Tipo Fuoco, Dosha Pitta, ecc. 

MesoblastaLa sua energia e la sua resistenza lo conducono ad eccessi fisici. 

La tecnica si attua per:
⦁    Ristabilire la mobilità fasciale appendicolare e le fasce viscerali, per riequilibrare l’apparato gastro-enterico e ghiandole annesse. Vengono applicate tecniche per il riequilibrio energetico del movimento del Fuoco nella sua totalità, della Terra e del Legno
⦁    Contrastare eventuali stasi energetiche
⦁    Ottenere un buon rilassamento muscolare
Uso di oli essenziali riequilibranti per questa costituzione in diffusione ambientale durante le manualità. Le tecniche tengono conto di passaggi per il riequilibrio psicosomatico su alcune parti del corpo.

Tipo Ectoblasta, Fosforico-Fluorico, Nervoso, Tipo Metallo-Acqua, Dosha Vata, ecc.

EctoblastaRisponde agli stimoli ambientali con organi e sistemi di derivazione ectoblastica, come ad esempio il sistema nervoso. Ha una intensa vita interiore, ma se è in squilibrio ha bisogno di “staccare” mentalmente. Si sottopone a stress e tende ad esaurirsi anche da un punto di vista fisico. Può somatizzare a livello gastrointestinale o cardiocircolatorio. Va sottolineata una tendenza alla magrezza per cui la tecnica corporea terrà conto di questa sua peculiarità.

La tecnica si attua per:
⦁    Prendere in carico lo stress, con tecniche distrettuali, tocco e temperatura ad hoc per questa costituzione 
⦁    Riequilibrio energetico a carico di movimento Metallo/Acqua
Prevede in associazione tecniche respiratorie e uso di oli essenziali in diffusione ambientale, particolarmente riequilibranti per questa costituzione durante le manualità.

Tipo Cordoblasta, Bilioso, Tipo Legno, Tridoshico, ecc; è il biotipo tendente all'idealità.

Cordoblasta
Tende a eccitabilità dei muscoli estensori e può soffrire di crampi e tic. 
Può presentare somatizzazioni a livello dell’apparato digerente con conseguenti disequilibri (predominanza del SN Simpatico), disequilibri a livello muscolare e circolatorio. Può essere soggetto a riniti allergiche da agenti esterni e a squilibri energetici a livello di Movimento Legno.
E' il biotipo che più a lungo mantiene la sua forma e la sua vitalità.

La tecnica si attua per:
⦁    Mantenimento di una buona fluidità dei movimenti. Tende ad essere un po’ rigido (o legnoso) quando è in disequilibrio soprattutto a livello di art. coxo-femorale 
⦁    Buon rilassamento muscolare
⦁    Abbassamento del tono simpatico con tecniche distrettuali
⦁    Riequilibri energetici a carico dei movimenti Legno e Fuoco
Le tecniche corporee costituzionali possono essere usate da sole o in associazione ad altre strategie di riequilibrio in uso al Naturopata. Queste tecniche prevedono la conoscenza degli effetti del tocco, dei principi di riequilibrio energetico, dell’anatomia e fisiologia del corpo umano.

Per avvicinare la tecnica alla costituzione propria del cliente, presentano personalizzazioni a diversi livelli a seconda che si consideri solo la costituzione prevalente o anche quelle secondarie; questo consente di effettuare un intervento di benessere mirato ed efficace.

  • Valutazione attuale: 5 / 5

    Voti Totali: 4

Scritto da Monica Iani

Sono una Naturopata formata presso la Scuola Italiana di Naturopatia e Operatore Ayuredico, attualmente sto approfondendo lo studio del TuiNa. Dal 2014 mi dedico al benessere della persona usando tecniche manuali. Per contrastare le caratteristiche debolezze insite nelle diverse biotipologie, mi sono ispirata ai principi di personalizzazione dei trattamenti di benessere delle Antiche Medicine Tradizionali creando un metodo che adatta alla persona i diversi trattamenti manuali.

© 2024 Istituto di Medicina Naturale srl P.IVA 02622350417 - Website made with by Lorenzo Giovannini